Gruppi‎ > ‎

Siena 12

Breve storia del gruppo:
Nonostante i numerosi cambiamenti di sede, il Gruppo Siena 1, storicamente il più vecchio tra quelli presenti in città, ha sempre mantenuto la propria collocazione nel centro storico, anche se in locali lontani tra loro, accogliendo al suo interno molti ragazzi residenti. 
Da quest’anno il Gruppo, composto dalle tre Branche e  la Comunità Capi, è riuscito a riunirsi in due sedi attigue, S. Giorgio e S. Spirito.  A causa del numero ridotto dei Capi, nell’anno 2008/10 la comunità capi si è affiancata a quella del Siena 2  e il Clan è andato a costituire una unica unità con il Clan Siena 2.       
Pur dovendo fare i conti con una prospettiva di limitata disponibilità di capi , quest’anno è stato per noi un anno di “passaggio” che vorrebbe portarci  sulla strada della  ricostituzione del gruppo nella sua pienezza, ritenendolo il punto focale dell’azione educativa , anche facendo tesoro di quanto espresso nello  Statuto AGESCI che definisce il Gruppo come “…. l’organismo educativo fondamentale per l’attuazione del metodo.. Esso si basa su una Comunità Capi che, per garantire l’attuazione dell’intero ciclo formativo scout, tende a costituire una o più Unità di ciascuna delle branche.”  

Rapporti con la/e parrocchia/e
Essendo dislocato in più sedi territoriali, il Gruppo non ha mai avuto l'opportunità di integrarsi in una realtà parrocchiale cittadina. L’unica eccezione è rappresentata dalla parrocchia della Magione, con cui siamo riusciti a stabilire, però, solo contatti sporadici e incontri occasionali.
Nonostante questa difficoltà, siamo sempre stati seguiti da vari assistenti ecclesiali, l'ultimo dei quali è stato padre Maurizio della parrocchia di San Domenico, che ha dovuto lasciare l'incarico perché nel 2009 trasferito in altra regione.
Oggi che finalmente il Gruppo può contare su due sedi molto vicine l'una all'altra, che fanno parte del territorio della parrocchia di San Martino, il nostro obiettivo è quello di inserirci all'interno di quella realtà e comunque di contattare almeno un assistente ecclesiale che possa accompagnarci nel nostro cammino.
                                                                                                                          

Comments